News

Lunedì, 09 Agosto 2021 08:38

09 08 2021 - Chiusura Agenzia Via Argine

L’Agenzia di Via Argine resterà chiusa dal 9 al 13 Agosto 2021.
Si ricorda che alla riapertura è possibile in ogni caso accedere solo tramite appuntamento chiamando
il servizio prenotazioni al numero 800.90.07.58 (dal lunedì al venerdì dalle ore 13:00 alle ore 17:00)
Venerdì, 23 Luglio 2021 08:31

23 07 2021 - Nuove tariffe 2020-2023

ABC approva le nuove tariffe per il periodo regolatorio 2020-2023
Con la delibera n.59 del 22 luglio 2021, il Consiglio di Amministrazione di ABC Napoli ha adottato le nuove tariffe del Servizio Idrico Integrato per il quadriennio 2020 – 2023, già approvate dall’Ente Idrico Campano con delibera n 25 del 7 luglio 2021.
Le nuove tariffe, derivano dall’applicazione del complesso sistema di calcolo (Metodo Tariffario Idrico MTI-3) determinato da ARERA e che, in particolare per questo periodo di regolazione, basandosi sugli investimenti effettivamente realizzati e sui miglioramenti nella gestione certificati, promuove la sostenibilità ambientale e forme di supporto agli utenti vulnerabili.
Numerosi sono i cambiamenti per tutte le tipologie di utenti di ABC a seguito della rimodulazione sia dei singoli corrispettivi, che delle fasce di consumo a cui andranno applicati.
Novità fondamentali della nuova articolazione tariffaria sono rappresentate dal calcolo basato sulla numerosità del nucleo familiare e, per le utenze non domestiche, dall’abolizione retroattiva del cosiddetto “minimo impegnato” a partire dal 1 gennaio 2020.
Il nuovo sistema tariffario si propone di promuovere gli utenti virtuosi attraverso l’incentivazione di comportamenti responsabili.
Acqua Pubblica, dichiara Alessandra Sardu Presidente di ABC Napoli, significa anche che un litro d’acqua costa ai napoletani circa un millesimo di euro. L’acqua è un bene comune, prezioso e questa consapevolezza guida l’agire di ABC che, con le nuove tariffe, intende premiare principalmente chi ne fa un uso responsabile e corretto.

Per un problema tecnico lo sportello online momentamente non visualizza le informazioni della fornitura .
E' in corso la risoluzione del problema.

Il laboratorio di prova di ABC ha recentemente esteso l’accreditamento da parte dell’ente italiano Accredia a tutti i parametri chimico-fisici e microbiologici (circa 50) che esegue per il controllo delle acque da destinare al consumo umano.

Questa estensione dell’accreditamento, certifica da parte di un ente terzo la competenza e la correttezza dei controlli eseguiti dal laboratorio ABC, e costituisce per l’utenza un’ulteriore garanzia della buona qualità dell’acqua fornita.

L’acqua distribuita all’utenza è sottoposta a rigidi controlli sia da parte di ABC (con oltre 130000 controlli interni all’anno), che delle AA.SS.LL. territorialmente competenti, alle quali spetta il giudizio di potabilità.

Il presidente dell’ABC Alessandra Sardu dichiara: “è un risultato straordinario per l’azienda, che conferma tutta l’attenzione e la competenza con cui vengono effettuati i controlli sull’acqua da destinare al consumo. Certamente l’accreditamento di un ente terzo su tutti i parametri di controllo effettuati costituisce un riconoscimento importante dell’elevato standard qualitativo offerto dall’azienda e un’ulteriore garanzia per gli utenti”.

 

Martedì, 22 Giugno 2021 13:31

21 06 2021 - Nomina nuovo CDA ABC Napoli

Il Comune di Napoli ha nominato, secondo lo statuto di ABC Acqua Bene Comune Napoli, i cinque componenti del Consiglio di Amministrazione.

Tre di nomina sindacale:

- Sardu Alessandra - Presidente
- Torino Andrea - Consigliere
- Isernia Ferdinando - Consigliere

Due di nomina in rappresentanza delle Associazioni di protezione Ambientale

- Licciardiello Assunta - Consigliere
- Aiello Domenico - Consgiliere

In allegato i due decreti.

ABC informa che ha necessità di eseguire lavori urgenti sulla rete idrica primaria in via Vicinale Romano a servizio del quartiere di Marano.

Pertanto a partire dalle ore 10:00 di lunedì 17 maggio 2021 fino alle ore 16.00 sarà sospesa la fornitura idrica alle utenze site in:

 

 

  • Via Vicinale Romano (compreso strade adiacenti);
  • Via Vicinale Spadari (compreso strade adiacenti).

 

 

Si precisa che per tutta la durata dell’intervento potrebbero verificarsi (soprattutto nelle ore di massimo consumo) fenomeni puntuali di riduzione di pressione, con probabile disalimentazione dei piani alti, ai fabbricati ubicati nelle aree limitrofe a quelle direttamente interessate dalle lavorazioni.

Le manovre connesse alla chiusura e alla riapertura delle condotte potrebbero determinare fenomeni di torbidità; basterà far scorrere per qualche minuto l’acqua per riottenere le originarie condizioni di limpidezza.

ABC si scusa con i cittadini per gli eventuali disagi che saranno arrecati.

La Direzione

COMUNICATO STAMPA

 

ABC informa che ha necessità di eseguire un intervento urgente sulla rete di distribuzione primaria a servizio del quartiere San Ferdinando. Per tale motivo a partire dalle ore 22:00 di martedì 18 maggio 2021 e fino alle ore 6:00 di mercoledì 19 maggio 2021 sarà interrotta temporaneamente l’erogazione idrica alle utenze presenti sulle seguenti strade e aree limitrofe

 

  • Via Cesario Console;
  • Via Santa Lucia;
  • Via Megaride;
  • Via Falero;
  • Via Generale Giordano Orsini;
  • Via Petronio;
  • Via Raffaele De Cesare;
  • Via Marino Turchi;
  • Via Palepoli;
  • Vico Storto Pallonetto a S.Lucia;
  • Via Serapide;
  • Via Pallonetto a S.Lucia;
  • Via Cuma;
  • Via Lucilio.

 

Si potrebbero determinare, a seguito delle connesse manovre di apertura e chiusura delle condotte, fenomeni di trascinamento dei sali depositati nella rete idrica, con possibile momentanea torbidita’ dell’acqua trasportata. In tal caso sara’ sufficiente far scorrere per qualche minuto l’acqua per riottenere le originarie condizioni di limpidezza.

ABC Napoli si scusa con i cittadini per gli eventuali disagi che saranno arrecati.

 
   

 

 

La Direzione

 

Egr Direttore, devo chiederle ancora ospitalità sulle sue pagine per cercare di fare chiarezza su alcuni punti riguardanti la gestione del servizio idrico alla città di Marano e, più in generale, su ABC.
Relativamente alla gestione del servizio idrico di Marano basta dire che ABC ha formalizzato (il 12 marzo con prot. PR72) la sua proposta al comune interessato.
In tale proposta ABC si è resa disponibile ad assumere il servizio idrico applicando a Marano le stesse tariffe di Napoli (rispettando i principi di unicità tariffaria dettati dalla Autorità regolatoria ARERA).
In merito invece a quello che viene definito "sovrapprezzo" che ABC applicherebbe alle forniture idriche dei comuni come Marano, così come alla stessa regione Campania, è opportuno precisare quanto segue, oltre a quanto già detto nella mia precedente lettera.
ABC oltre a distribuire  l'acqua  ai cittadini napoletani svolge anche un servizio di sub distribuzione alimentando diversi comuni delle province di Napoli, Caserta, Avellino e Benevento oltre la regione Campania.
Per fare ciò ABC utilizza i propri impianti (1300 km di condotte, 8 grandi serbatoi, 8 centrali di pompaggio) che sono gestiti da circa 200 risorse dirette (tecnici specializzati dipendenti ABC) con l'assistenza di diverse ditte esterne.
In più ABC spende solo di acqua che acquista e di energia necessaria per movimentarla, circa 20 milioni di euro l'anno.
In particolare la città di Marano è stata collegata il mese scorso ad un importante e recente serbatoio di accumulo da 30 milioni di litri acqua collocato a Chiaiano che garantisce al comune una maggiore sicurezza e continuità del servizio.
Orbene, tutti i costi e gli investimenti che sostiene ABC, secondo regole dettate dalla Autorità regolatoria, sono identificati e attribuiti al servizio di distribuzione ovvero a quello di sub distribuzione. Sulla base di questa ripartizione vengono determinate e approvate dalla Autorità regolatoria le relative tariffe (senza la possibilità di lucrare, non lo prevede lo Statuto di ABC nè la regolamentazione della Autorità).
ABC pertanto non ha la arbitrarietà di modulare opportunisticamente le tariffe a vantaggio di Napoli e a discapito di altri Comuni.
D'altro lato, per sgombrare dal campo ogni dubbio sul fatto che ABC possa avere interesse economico a continuare ad esercitare il servizio di sub distribuzione, basta evidenziare che gli obiettivi di ABC sono contenuti in un piano programma triennale, già deliberato dall' Organo Amministrativo di ABC e che il Comune di Napoli si accinge ad approvare per la sua piena attuazione. Tale piano prevede l'ampliamento del servizio anche al segmento della depurazione, completando così il ciclo del servizio integrato, e soprattutto l'estensione territoriale a tutti i comuni del distretto Campania, e non già il servizio di sub distribuzione. Il piano, tra l'altro, si fonda su una profonda riorganizzazione, in parte già attuata, e su un programma di investimenti di oltre 40 milioni di euro nel triennio.
Infine, sul minimo impegnato precisiamo ancora una volta che esso è stato applicato in formule tariffarie che sono risultate vantaggiose e convenienti per le utenze commerciali fino a quando lo stato emergenziale non ha comportato l'abbattimento dei consumi idrici.
Il disagio di questi utenti commerciali sarà, come detto, risolto in quanto ABC ha già disposto il conguaglio dei maggiori costi sostenuti.

Alfredo Pennarola

Direttore di ABC Napoli

Egr. Direttore,

l’edizione odierna del suo quotidiano ha ospitato i contributi di Eduardo Cicelyn e Marinella De Nigris che trattano alcune questioni inerenti alla gestione del Servizio Idrico nell’ambito distrettuale della città metropolitana di Napoli ed alle tariffe attualmente applicate dall’Azienda che rappresento.

Per il tema e per il tenore degli interventi, ritengo utile fare qualche precisazione.

La prima riguarda la possibile espansione del modello gestionale pubblico, che ABC rappresenta, ad un ambito territoriale più ampio di quello attualmente gestito dall’Azienda (vale a dire la città di Napoli). Il tema è di particolare interesse, visto che nei prossimi anni gli Enti preposti (vale a dire l’Ente Idrico Campano ed i Comuni interessati) dovranno decidere l’affidamento del servizio idrico integrato nei diversi ambiti distrettuali nei quali si suddivide la Regione Campania, individuando per ognuno di essi un unico gestore.

Nello specifico, con la Delibera n. 1 del 2019, il Consiglio di Distretto dell’Ente Idrico Campano ha già riaffermato “l’obiettivo politico di una pubblicizzazione della gestione del servizio idrico integrato” indicando “quale Gestore Unico del Distretto di Napoli, l’Azienda Speciale ABC”.

Senonchè, sia Cicelyn che la De Nigris alludono a limiti statutari che impedirebbero tale iniziativa all’Azienda.

In realtà, lo Statuto di ABC prevede espressamente la possibilità per l’Azienda di espandere il proprio raggio di azione alla città metropolitana (il cui territorio coincide con uno degli ambiti distrettuali della Regione) ed individua anche nell’Azienda speciale consortile la forma societaria utile a perseguire questo scopo. Sin dal marzo del 2015 il Consiglio comunale, nell’approvare la convenzione di affidamento del servizio in favore di ABC, ha deliberato la possibilità per l’Azienda di ampliare l’estensione del territorio servito, qualora vi aderiscano altri comuni della città metropolitana di Napoli, e sempre che la parte prevalente dell’attività venga svolta nell’interesse del Comune di Napoli.

Quindi, non vi sono reali ostacoli statutari alla gestione dell’ambito distrettuale “Napoli” a regime, una volta che gli Enti avranno attuato le loro intenzioni.

Nel periodo transitorio, nonostante tutte le difficoltà che promanano da una situazione precaria in quanto subordinata alle scelte che saranno adottate, ABC ha comunque cercato, e continuerà a cercare, di dare risposta ad una domanda che proviene dal territorio e che riguarda vari comuni, tra i quali Marano, che vogliono affidargli il servizio. ABC si è sempre resa disponibile in tal senso, e – nel caso di Marano – ha richiesto al Comune di produrre tutti gli elementi necessari ad analizzare in maniera seria ed accurata lo stato della gestione del servizio per subentrare nello stesso, o, in alternativa, ad individuare singole attività da eseguire anche nel breve periodo, senza ottenere riscontro.

La seconda precisazione riguarda le tariffe applicate dall’Azienda.

Nel suo intervento Cicelyn tocca vari aspetti. Dalla quantificazione della tariffa di vendita di acqua all’ingrosso, all’applicazione del minimo impegnato.

E’ una ulteriore occasione per chiarire che la determinazione tariffaria è un processo estremamente tecnico che si fonda sulle modalità deliberate dall’Autorità regolatoria del settore.

I principi di fondo sono la copertura integrale dei costi e la riferibilità degli stessi al segmento di competenza, nel caso di specie: tariffa di distribuzione cittadina applicata agli utenti della città di napoli e la tariffa cosiddetta di sub-distribuzione applicata ai comuni serviti da ABC .

Per quanto attiene alla tariffa di sub-distribuzione, va preliminarmente evidenziato che ABC negli ultimi 10 anni l’ha sensibilmente ridotta, fin quasi a dimezzarla. Si è passati da 0,57 € al metro cubo agli attuali 0,33 € al metro cubo circa.

L’attuale tariffa scaturisce dalla individuazione dei costi sottesi alla sub distribuzione, dalla separazione degli stessi dai costi sottesi alla distribuzione cittadina, e dall’applicazione di un algoritmo tecnico dettato dall’Autorità che consente la copertura integrale, per le utenze cittadine e per quelle in subdistribuzione, dei relativi costi ad esse (e soltanto ad esse) riferibili.

Pertanto, non si può non comprendere che al costo di acquisto dell’acqua (circa 0,20 € al metro cubo, tariffa applicata ad ABC dalla Regione) ABC debba sommare i sensibili costi di gestione e movimentazione di tale acqua attraverso la sua complessa infrastruttura idrica per poterla infine recapitare ai vari comuni serviti.

Riguardo, infine, all’applicazione del cosiddetto minimo impegnato alle utenze commerciali  è bene ricordare che tale tipologia tariffaria, in condizioni “non emergenziali” come quelle che stiamo vivendo, favorisce le utenze commerciali che in fase contrattuale “calibrano” con ABC l’entità dei consumi medi presunti per i loro esercizi, ottenendo il vantaggio della fatturazione alla tariffa base di tutto il consumo del “minimo impegnato”.

Ciononostante, nella proposta tariffaria per il periodo regolatorio 2020-2023, ABC ha dovuto provvedere all’eliminazione del minimo impegnato, dovendosi adeguare alle direttive ARERA, e la tariffazione sarà commisurata ai reali consumi dell’utenza, sia domestica che commerciale. Pertanto all’atto della approvazione della proposta, da parte dell’EIC e della ARERA, si provvederà al ricalcolo delle fatture per i consumi dal 1 gennaio 2020, conguagliando a vantaggio delle utenze commerciali i maggiori costi eventualmente sostenuti.

Nel particolare, si evidenzia che il disagio si è evidenziato nel periodo della Pandemia che ha purtroppo costretto molti esercizi commerciali alla chiusura. Per lo stesso periodo ABC ha messo in campo una serie d’iniziative volte a ridurre le difficoltà dell’utenza, dilatando i tempi di rateizzazione, eliminando le penali e gl’interessi di mora.

Napoli, 6 maggio 2021                                                                                                   ABC Napoli a.s.

                                                                                                                                                   Il Direttore

                                                                                                                                           Alfredo Pennarola

Con la delibera di oggi, continuiamo ad attuare condizioni migliorative di quelle previste dalla normativa vigente, e agli utenti che ne faranno richiesta, ABC Napoli:
- proroga fino al 30/09/2021 il termine entro il quale, per le fatture 1/20, 2/20 e 3/20, concederà rateizzi fino a n.12 rate mensili senza il versamento di un acconto;
- autorizza la concessione di rateizzi fino a 12 rate mensili senza il versamento di acconto per le morosità fino a 1000 euro, anche se riferite a fatture antecedenti il 2020;
- proroga al 30/09/2021 il termine di pagamento o rateizzazione delle fatture 1/20, 2/20 e 3/20, senza addebito degli interessi moratori.
- estende alle emissioni 4/40 e 1/21 le agevolazioni di cui sopra.
Ancora una volta, con atti tangibili ed immediati, ABC dimostra la piena consapevolezza del servizio pubblico che svolge tutelando sempre più le fasce deboli della popolazione.

Pagina 1 di 7

CALL CENTER COMMERCIALE
800.88.40.21 (gratuito da rete fissa)

PRONTO INTERVENTO
800.00.95.85 (gratuito da rete fissa e da cellulare - attivo 24 h su 24)

FAX E PEC
0817818190
segreteriagenerale@abcnapoli.telecompost.it

AGENZIE DI CITTA' (Sportelli al pubblico)
Via Argine, 929 - Napoli - 80147
Via Ventaglieri, 83 - Napoli - 80135

AUTOLETTURA
email: letture@abc.napoli.it
tel: 800884021

ANOMALIE SITO
gestione.web@abc.napoli.it

INFORMATIVA COOKIE
Informativa cookie link